WhatsApp non funziona, perché la app è down

0
WhatsApp Down perchè non funziona

Disservizi in Nord Europa e in Italia: la app di messaggistica istantanea nella giornata di ieri, 31 agosto 2017, ha smesso di funzionare. Perché WhatsApp è crollato?

WhatsApp Down in Nord Europa

La maggior parte delle nostre azioni quotidiane passano da uno smartphone, e principalmente da un servizio offerto gratis: si tratta di WhatsApp. Chiunque sa inviare messaggi per i più vari e disparati motivi, da richiesta di aiuto, semplice buongiorno, o addirittura per litigare, fare pace o mettersi d’accordo sull’orario di un determinato incontro. Ma cosa succede se WhatsApp non funziona? E’ ciò che è successo ieri, giovedì 31 agosto 2017, nella parte settentrionale d’Europa: si sono riscontrati malfunzionamenti e disservizi del server, tanto che l’hashtag #WhatsAppDown è diventato top trend delle classifiche di Twitter nel Nord Europa. Ma perché WhatsApp Down?

WhatsApp non funziona, perché?

Secondo gli sviluppatori e i tecnici della app di messaggistica istantanea di Mark Zuckerberg, il motivo per cui WhatsApp non funziona è da riscontrare nel collasso dei server. Insomma, la crisi tecnologica ha dapprima colpito Facebook, poi Instagram e come un virus si è attaccata alla app, facendola collassare in alcuni stati del Nord Europa quali Sud Inghilterra, Belgio, Olanda e Nord-Est della Francia. Problemi anche in Italia, specialmente nella parte settentrionale del Belpaese, zona in cui provenivano la maggior parte delle segnalazioni. In realtà, il motivo del disservizio di WhatsApp non è ancora molto chiaro: si sa che la app funziona a macchia di leopardo, ovvero alcuni gruppi di utenti riescono ad avere una connessione, mentre altri, nonostante siano vicini, non sono in grado di stabilire nessuna connessione.

WhatsApp Down, ma anche Facebook e tutte le app collegate

Sono gli sviluppatori a spiegare il perché del WhatsApp Down: si è trattato di un eccessivo carico della rete affidata ai server. Essi non lo hanno gestito in maniera efficiente e invece di garantire il servizio in maniera omogenea, hanno fatto il loro dovere solo su alcune zone, anche se non si sa con certezza se sia stata una casualità o sono i server ad aver scelto di far funzionare la app in maniera disomogenea. Fatto sta che, dopo che WhatsApp ha smesso di inviare e ricevere messaggi, tutte le app facente parte del gruppo Facebook hanno presentato le stesse avvisaglie. Menlo Park dovrà lavorare parecchio per il ripristino, anche se noi italiani, a parte qualche disagio causa maltempo nelle zone della Maremma e al Nord Italia, per ora siamo stati fortunati. Ma non è detto che la situazione potrebbe peggiorare con il costante aumento dell’utenza. E’ sottointeso che WhatsApp, in queste condizioni, non potrà garantire un servizio veloce, efficiente e di qualità.