SSC Napoli, rinnovo per Mertens? Tutta la verità

0

Amatissimo dalla tifoseria, Dries Mertens sarebbe, oggi, più lontano che mai da Napoli. Sembrerebbe che il calciatore sia prossimo a separarsi con la città che meglio lo aveva accolto e in cui, apparentemente, aveva messo radici. Eppure, le trattative private a casa del belga col presidente della squadra, De Laurentiis, avvenute alla fine di aprile, non avrebbero portato i frutti sperati. In quell’occasione, infatti, il numero uno del club avrebbe chiesto al suo attaccante di scrivere una richiesta economica per rinnovare il sodalizio. Ieri, i legali di Mertens dal Belgio hanno spedito la mail chiedendo due anni di contratto a due milioni a stagione, più una serie di bonus e commissioni. Tra le clausole del contratto sarebbe, poi, stata citata la garanzia di un impiego più continuo rispetto al campionato scorso, come rivelato da Il Mattino.

Non solo Mertens, la questione Napoli/Koulibaly

Mertens avrebbe richiesto poco meno che la metà del suo attuale contratto, ancora in vigore, per rimanere a Napoli. La richiesta avrebbe, comunque, scioccato ADL, convinto a portare avanti la politica contenitiva nei costi con cui sta mandando avanti il club. Il presidente sarebbe disposto a spingersi al massino fino a 1.5 milioni a stagione o poco più, nonostante la sua risposta ufficiale non sia ancora arrivata. Insomma, la richiesta dell’attaccante, ormai trentacinquenne, sa di amara separazione, qualcosa che i tifosi soffriranno, visto l’ammirazione che ripongono nella figura del giocatore.

Altra figura importante per l’attuale asset del club partenopeo, quella di Koulibaly, a sua volta in bilico per motivi contrattuali. La proposta di rinnovo a 6.5 milioni per la prossima stagione, comparata a quella di 4 milioni a stagione più uno di bonus attuale, potrebbe far gola al difensore senegalese che, comunque, non ha ancora dato una risposta ufficiale, considerando l’interesse per lui manifestato da Barcellona, Juventus e PSG in grado di mettere a rischio la sua permanenza all’ombra del Vesuvio.