Acquisto casa prefabbricata ad elevato rendimento energetico, i costi da sostenere

casa in legno

In Italia tra le imprese che costruiscono case ci sono anche quelle impegnate nella realizzazione di strutture in bioedilizia che sono caratterizzate da un elevato rendimento energetico. Si tratta di case in legno prefabbricate che vengono realizzate seguendo i migliori standard di costruzione per quel che riguarda la sicurezza e la sostenibilità ambientale.

Ma detto questo, quali sono i costi complessivi da sostenere per acquistare un’abitazione prefabbricata chiavi in mano? Ebbene, per l’acquisto di una casa prefabbricata, supponendo di avere un terreno di proprietà dove poterla mettere, non occorre prendere in considerazione solo il costo dell’unità abitativa, ma anche tutti i relativi costi accessori, dalle opere da impresa alle spese tecniche e passando per gli oneri comunali e catastali.

Nel dettaglio, tra i costi accessori legati alle opere da impresa, ai fini della realizzazione di case prefabbricate, rientrano le fondazioni, le recinzioni, gli allacciamenti, le rampe, le pensiline, la realizzazione dei percorsi, tutte le eventuali sistemazioni esterne e lo scantinato se questo è previsto nel progetto.

Le spese tecniche invece spaziano dai costi per le consulenze del geometra per gli accatastamenti ed i rilievi, a quelli per il certificatore energetico e per l’eventuale intervento di un termotecnico, e passando per il compenso da riconoscere a figure chiave come quelle del progettista, dello strutturista e del geologo senza dimenticare i responsabili della sicurezza, il direttore o i direttori dei lavori, ed il collaudatore statico. Tra i costi accessori ci sono poi quelli ai quali non si può sfuggire e che sono rappresentati, come sopra detto, dalle spese rientranti tra gli oneri comunali e catastali.

Detto questo, è bene elencare anche quelli che sono i vantaggi legati all’acquisto di una casa prefabbricata. Uno di questi è rappresentato dal fattore tempo in quanto una casa prefabbricata si può richiedere ed installare con estrema rapidità e facilità potendo tra l’altro avvantaggiarsi di un’abitazione che non solo è ad elevato rendimento energetico, ma è anche leggera e resistente, così come l’isolamento a livello acustico è elevato grazie alla presenza del legno.

Per quel che riguarda invece gli svantaggi che sono legati all’acquisto di una casa prefabbricata, occorre prendere in considerazione quelli che rientrano per la precisione tra i rischi. Uno di questi è rappresentato dal rischio di incendio fermo restando che le case prefabbricate vengono realizzate con un legno appositamente trattato per ritardare e di molto la fiamma, il che significa che il materiale tende a bruciare molto lentamente. Un altro rischio è rappresentato dalla formazione di umidità e di muffe all’interno dell’abitazione specie nelle zone dove gli inverni sono lunghi e rigidi. In tal caso è bene progettare e realizzare la casa prefabbricata isolando il tetto con un intervento di isolamento a cappotto.

2 Commenti

  1. Sul rischio di incendio il legno usato nella costruzione di edifici non risulta essere mai a vista e quindi sempre ben protetto da elementi isolanti, per questo motivo non è mai causa di incendio. Inoltre le performance che il legno ha nella risposta al fuoco sono tra le migliori in assoluto rispetto alle altre tecniche di costruzione, infatti, bruciando molto lentamente (0.7 mm al minuto) e non trasmettendo il calore riesce a mantenere le proprie capacità strutturali molto più a lungo rispetto ad acciaio (15 minuti) o cemento armato, che invece in brevissimo tempo si deformano facendo collassare la struttura.
    Esistono molte tipologie costruttive per le case prefabbricate, sicuramente la più performante per quanto riguarda il mondo delle costruzioni in legno è la tecnologia X-LAM.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*