Cellule immunitarie: tutto parte dal cervello

0

Le cellule immunitarie provengono direttamente dal cervello, questo perchè intraprendono delle strade che consentono di prevenire i danni provocati da ictus e malattie neurologiche.

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

Cellule immunitarie: le strade che si diramano dal cervello

Dal cervello dunque si diramano dei tunnel che sono alla base del cranio e vanno fino alla sommità, e che a loro volta sono collegati al midollo osseo (lo strato più esterno del cervello). La scoperta arriva grazie ad un team di ricerca coordinato dall’università di Harvard, ed è stata pubblicata sulla rivista Nature Neuroscience.

Nel team si distingue la ricercatrice italiana Francesca Bosetti, del National Institute of health (Nih), la quale ha dichiarato “Abbiamo sempre pensato che le cellule immunitarie dalle braccia e dalle gambe viaggiassero attraverso il sangue fino ai tessuti cerebrali danneggiati. Adesso abbiamo scoperto che possono prendere una scorciatoia per arrivare più in fretta nelle aree dell’infiammazione”

Cellule immunitarie e cervello: la scoperta

La scoperta di un valido team di ricercatori, coordinati da Matthias Nahrendorf, nasce dopo aver ripercorso tutto il tratto delle cellule immunitarie dette neutrofili, segnalate con etichette luminose. L’intero iter ha portato sino al tessuto cerebrale danneggiato da un ictus o dalla meningite, mentre si diramavano direttamente dal midollo osseo del cranio o della tibia.

Stando allo studio, il midollo del cranio tende a generare così tante cellule immunitarie a protezione della la parte danneggiata, al contrario dell’altro tipo di midollo.

I ricercatori dicono “Vogliamo capire l’importanza di questi canali, osservati anche nell’uomo per le malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale, come ictus o ipertensione, nonché malattie croniche come l’Alzheimer”

Aumento naturale e rassodante, Pagamento alla consegna GRATIS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.