Sindrome occhio secco: se preso in tempo migliora la vita

Sindrome occhio secco: è questa una malattia cronica, che necessita di un approccio di cura complessivo e soprattutto a lungo termine.

Sindrome occhio secco: la scienza cosa dice

 

Maurizio Rolando, direttore del Centro superficie oculare IsPre Oftalmica di Genova ha dichiarato che «La sindrome dell’occhio secco è una condizione molto comune che aumenta con l’età, soprattutto nelle donne. Si stima infatti che fra il 12 e il 16 per cento della popolazione generale presenti i sintomi del disturbo, senza però riconoscerlo come condizione patologica e di conseguenza senza adottare terapie mirate. La diagnosi tempestiva è invece il presupposto per una corretta gestione del problema».

I sintomi del disturbo provocano dolore agli occhi, secchezza, arrossamento, lacrimazione eccessiva, disagio provocato da lenti a contatto, irritazione da vento o fumo, occhi stanchi, sensazione di corpo estraneo nell’occhio, visione offuscata e fotofobia.

L’esperto spiega «L’occhio secco può influire sulla capacità di lettura e di guida, limitando quindi notevolmente la vita quotidiana di chi ne soffre. Senza contare il fatto che la somma di questi disturbi può, in alcuni casi, anche portare allo sviluppo di ansia e depressione: un quadro generale che denota senza dubbio la presenza di una condizione malattia cronica».

Da dove proviene la sindrome da occhio secco

Gli elementi che provocano l’occhio secco sono molteplici: dall’invecchiamento, fino ai fattori ambientali come l’inquinamento o l’uso dei monitor. Una volta individuata, la terapia si fonda sull’uso regolare, nell’arco del giorno, di sostituti lacrimali ad ampio spettro e accompagnata da un’accurata igiene della palpebra.

Secondo l’esperto «Occorre accertarsi che il sostituto lacrimale utilizzato sia privo di conservanti, perché durante la giornata la parte di acqua evapora lasciando quest’ultimo a contatto con l’occhio a concentrazioni crescent. Stiamo parlando di una malattia cronica per la quale ancora non esiste una cura definitiva – chiosa Aragona -. Un motivo in più per procedere in direzione di una diagnosi precoce e verso una gestione appropriata del paziente per migliorare la qualità della sua vista e della sua vita»

Informazioni su Alessia D’Anna 540 Articoli
studentessa in giurisprudenza amante della scrittura, con esperienza nelle notizie dell'ultima ora

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.