Buste paga 2018, novità welfare: aumenti, bonus e arretrati stipendi

0
Buste paga 2018, novità welfare: aumenti, bonus e arretrati stipendi

La busta paga 2018 degli statali sarà diversa grazie al bonus Renzi che prevede aumenti per il rinnovo contratti e nuove soglie.

Stipendi 2018, cosa cambia in busta paga tra aumenti e bonus

Con la Legge di Bilancio 2018 cambiano anche le buste paga. Le novità sugli stipendi riguardano la categoria dei dipendenti pubblici. Il bonus Renzi con l’adeguamento delle soglie di reddito è stato confermato, inoltre c’è stato lo sblocco del rinnovo dei contratti del pubblico impiego, questo significa che ci saranno degli aumenti in busta paga.

Bonus arretrati in busta paga: pagamento una tantum

Queste novità erano attese da tempo ma c’è già chi storce il naso perché i bonus arretrati saranno riconosciuti una tantum, ma si tratta comunque di 450-500 euro extra che fanno sempre comodo in tempi di magra come questi. In media al mese ci sarà un aumento di 85 euro in busta paga che non compromette il diritto al vecchio bonus Irpef di 80 euro. Con questa mossa il governo Gentiloni ha evitato la cancellazione del bonus Renzi per i dipendenti pubblici, dopo il rinnovo dei contratti. Le soglie di reddito per il bonus Irpef totale e parziale sono aumentate per non incorrere nel paradosso, passando da 24 mila a 24.600 euro e da 26 mila a 26.600 euro.

Stipendi pubblici, confronto buste paga 2017 e 2018

Grazie ad Investire Oggi è possibile fare un confronto tra le buste paga dei dipendenti pubblici del 2017 e quelle del prossimo anno, tra aumenti salariali, bonus arretrati e bonus 80 euro. Se nel 2017 il dipendente pubblico ha percepito 912 euro a fronte di un reddito di 24.100 euro complessivo, nel 2018 saranno erogati 960 euro (un incremento su base annua di 48 euro), seguono diversi scaglioni sempre in base al reddito e si arriva a 26.100 euro (di reddito totale) nel 2017 per quali il contribuente non ha ricevuto alcuna somma mentre nel 2018 riceverà 240 euro. Infine chi rientra nella fascia di reddito complessivo di 26.600 euro non ha avuto nessuno aumento nel 2017 e la situazione rimarrà la stessa anche nel 2018 perché è escluso dal bonus Renzi.