Carie: perché peggiora il rendimento scolastico dei bambini?

Carie: perché peggiora il rendimento scolastico dei bambini?
Come Aumentare il Seno naturalmente.CLICCA per Info!

I bambini e i ragazzi che non vanno bene a scuola hanno una giustificazione: la carie abbassa il rendimento scolastico. Chi soffre di questo disturbo infatti ha più probabilità di avere voti bassi.

Giornata mondiale della salute orale

Oggi 20 marzo non è solo la giornata mondiale della felicità perché si celebra anche la giornata mondiale della salute orale. Le due giornate sono collegate visto che quando siamo felici sorridiamo ma se i nostri denti non sono perfetti evitiamo di farlo. La giornata mondiale della salute orale è stata istituita dalla World Dental Federation (Fdi) che opera in 110 paesi. Lo scopo è quello di sensibilizzare la popolazione sull’importanza dell’igiene orale perché non coinvolge solo l’estetica ma anche la salute. Nel mondo infatti la carie colpisce il 60% di bambini e adolescenti sotto i 16 anni e uno studio ha dimostrato che chi ne soffre ha probabilità maggiori di non andare bene a scuola rispetto ai coetanei in perfetta salute.

“Pensa alla bocca, pensa alla salute”

L’Ente nazionale di previdenza dei medici, fondazione Enpam, ha invitato i bambini delle elementari in Piazza Vittorio a Roma per parlare della campagna internazionale “Di’ Ahhh. Pensa alla bocca, pensa alla salute”. I bambini si sono divertiti tantissimo perché hanno fatto dei giochi che gli hanno permesso di conoscere meglio le buone pratiche e i segreti della bocca. Giampiero Malagnino di Enpam ha affermato ad Adnkronos che il loro impegno è quello di promuovere la salute e l’igiene orale motivando i più piccoli poco propensi a prendersi cura dei denti. La maggior parte dei bambini intervenuti lavano i denti dopo aver mangiato ma non basta, è necessario fargli capire che devono mangiare cibi sani e frutta fresca se non vogliono avere problemi. Nella giornata un dentista dell’Andi ha mostrato ai bambini come lavare i denti correttamente, una lezione che vale anche per i genitori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*