Cicciobello Morbillo e la salvietta miracolosa, bufera sul web

Cicciobello Morbillo e la salvietta miracolosa, bufera sul web

Negli ultimi mesi abbiamo avuto modo di poter assistere a diverse campagne di sensibilizzazione verso i vaccini, per tale motivo Infatti Cicciobello Morbillo e la salvietta magica sono finiti nel mirino di una bufera sul web.

Cicciobello storia del bambolotto più amato al mondo

In pochi sanno che Cicciobello storia comincia nel lontano 1962, ad opera di Gervaso Chiari. Nell’arco degli anni abbiamo avuto modo di vedere diverso rivisitazione del bambolotto più amato al mondo, come Cicciobello con l’ombrello, il classico, Cicciobello Buonanotte ma ho preferito alla maggior parte dei bambini Cicciobello Bua. Ultima versione vede il bambino alle prese con una forte febbre, possibili da curare solo attraverso tre piccoli sciroppi contenute all’interno di un biberon. Cicciobello Bua è arrivata la nuova versione del bambolotto ovvero Cicciobello morbillo, la quale però ha creato una bufera sul web.

Cicciobello morbillo si cura con la salvietta magica?

Come accennato la particolarità di Cicciobello Bua era racchiusa nel fatto che una volta rilevata la febbre attraverso il termometro, si procedeva alle cure contenuta all’interno di tre barattolini aventi un colore diverso a seconda del tipo di cura. La canzone pubblicitaria lanciata dalla casa produttrice di Cicciobello riassume il tutto così: “Che cosa Cicciobello? È tutto coperto di pois! Aiutatela guarire con i cerottini, la cremina è la magica salvietta!“. Secondo quanto appunto dichiarato dalla casa produttrice, per far guarire Cicciobello Bua basterebbe mettere i cerottini sui puntini rossi che ha sul viso e sulle braccia, e dopodiché passare la cremina che dovrebbe rimuoverli definitivamente.

Cicciobello morbillo scatena una bufera sul web

A quanto pare però questa nuova versione di Cicciobello Morbillo non è piaciuta molte persone, che hanno definito questa produzione una vanificazione di malattie gravi come quella del morbillo. Lo stesso Roberto Bruniori Twitter comunica: “Attendiamo il Cicciobello Linfomino è pure quello Meningitino. Mi chiedo chi siano questi geni Che banalizzano malattie gravi senza rispetto per i malati e per i loro familiari. E pensare che me la prendo con gli antivaccinisti…“. Ad alimentare la bufera sul web troviamo anche l’intervento di Salvo Di Grazia, medico giornalista, che in un tweet scrive: “Ma attenzione, in alcuni Cicciobelli la salvietta non funziona e Cicciobello finisce rianimazione intubato con encefalite virale“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.