Delitto di Garlasco: confermata la condanna per Alberto Stasi

Delitto di Garlasco: confermata la condanna per Alberto Stasi

Delitto di Garlasco, confermata la condanna per Alberto Stasi. Secondo la Cassazione è solo lui l’autore materiale del delitto di Chiara Poggi, avvenuto il 13 agosto del 2007. Nessuna via di uscita per il ragazzo che resterà così in carcere.

Delitto di Garlasco, Alberto Stasi colpevole. Dopo anni di battaglie legali, una condanna a 30 di carcere dove venne riconosciuta anche l’aggravante della crudeltà per l’omicidio di Chiara Poggi… Ecco che oggi la Cassazione ha emesso una nuova sentenza contro appunto Alberto Stasi. L’omicida dovrà dunque restare in carcere e scontare 16 anni di reclusione. A incastrare Alberto Stasi, oltre i 19 testimoni ascoltati durante il processo, sono state le tracce di sangue trovate nella sua bicicletta. Questa tipologia di prove ha fatto si anche che per Stasi sia impossibile accedere all’appello ter ma non solo, i giudici della Suprema Corte hanno anche definito inammissibile la richiesta di sospensione della pena presentata a maggio dai difensori dell’omicida. Si conclude così sanguinoso capitolo nel libro dei femminicidi in Italia, con la conferma di una condanna che il killer dovrà appunto scontare in carcere e non ai domiciliari.

Delitto di Garlasco, Alberto Stasi dunque resta in carcere, così ha deciso la Cassazione nel corso dell’ultima udienza. L’omicida, accusato dell’omicidio di Chiara Poggi, avvenuto nel 2007, resterò nella sua cella del carcere di Bollate per 16 anni. La condanna di Alberto Stasi non è ancora stata commentata dai genitori di Chiara Poggi, che nel 2015 avevano dichiarato: “Non bisogna mai dimenticare che questa è una tragedia che ha colpito due famiglie”.

LE EXTENSION MAGNETICHE PER CIGLIA CHE NON HANNO BISOGNO DI COLLA O ADESIVI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*