Guarire dall’anoressia grazie ad Instagram: la storia di Emelle Lewis

0
Emelle Lewis Instagram: malata di anoressia salva grazie al social

È arrivata a pesare 31 kg ma Emelle Lewis oggi è rinata. Malata di anoressia da quando aveva 15 anni finalmente è guarita grazie alle storie che gli adolescenti pubblicavano sui social.

Instagram mi ha salvato la vita

Emelle è una studentessa di psicologia di Huddersfield in Gran Bretagna. Il suo passato è stato segnato dall’anoressia. A 15 anni ha iniziato a sviluppare un’ossessione per la forma fisica perfetta, si è iscritta in palestra e ha iniziato a ridurre le calorie giornaliere. La sua battaglia contro l’anoressia è durata 5 anni, ed è stata ricoverata molte volte in ospedale. Guardando la foto del prima e del dopo potete capire quanto fosse grave la sua situazione. Poi Instagram le ha salvato la vita perché molte altre ragazze come lei hanno usato il social per raccontare come sono guarite.

Troppo grassa e insicura

La ventiduenne ha raccontato al Daily Mail che è iniziato tutto al liceo. Le sue amiche erano tutte fidanzate e lei l’unica single del gruppo. Nella sua mente era convinta di essere troppo grassa ed è caduta nella trappola dell’anoressia. Mangiava solo gallette di riso, insalata e cereali. Emelle rifiutava tutte le cure perché non pensava di avere un problema, nonostante la magrezza poteva condurre una vita normale. Ad un certo punto ha pensato che non sedendosi mai avrebbe bruciato ancora più calorie.

La svolta di Emelle

Un giorno Emelle Lewis era stesa sul letto, sapeva che poteva morire da un momento all’altro e si è chiesta se voleva fare quella fine. Non aveva ancora realizzato niente nella sua vita. Così ha cercato su Instagram delle storie di ragazze guarite dall’anoressia e ha chiesto alla madre di aiutarla a trovare un centro specializzato per curarsi. È stato difficile per Emelle ma in quel momento qualcosa nella sua testa è cambiato. Oggi Emelle Lewis racconta la sua storia su Instagram e vuole convincere altre ragazze anoressiche a riprendere in mano la propria vita. È più forte di prima e vede tutto con occhi diversi.