Chi era Alberto Asor Rosa, critico e storico della letteratura: carriera e opere

0
Alberto Asor Rosa, professore, critico e storico della letteratura, è scomparso all'età di 89 anni. Ecco chi era: biografia, carriera e opere.

Alberto Asor Rosa, professore, critico e storico della letteratura, è scomparso all’età di 89 anni. Ecco chi era: biografia, carriera e opere.

Alberto Asor Rosa: biografia e carriera

Alberto Asor Rosa nasce a Roma nel 1933, è stato storico della letteratura, critico letterario, saggista, professore e politico. Ha studiato al Liceo Classico e si è laureato all’Università La Sapienza.

Di formazione marxista, Asor Rosa ha collaborato a diverse riviste politiche, tra cui Quaderni rossi, Classe operaia, Laboratorio politico e Mondo Nuovo. Inoltre, è stato direttore della rivista “Contropiano” e del settimanale del Partito Comunista Italiano “Rinascita”.

Il suo impegno politico con il PCI si consolida negli anni, e tra il 1979 e il 1980 Asor Rosa è deputato della Repubblica Italiana.

Alberto Asor Rosa è stato colui che ha progettato e diretto la celebre collana Letteratura Italiana Einaudi. Sempre devoto alla cultura, diventa professore ordinario di Letteratura italiana all’Università La Sapienza di Roma, ha insegnato anche in altre università, come quella di Cagliari, e nei licei.

Sull’importanza della scuola e sulla capacità della cultura di unire, Alberto Asor Rosa disse:

La scuola è la grande depositaria della letteratura. Quando, alla fine dell’Ottocento, è stata creata la scuola unitaria, le è stato assegnato esplicitamente questo compito, al quale noi oggi non possiamo rinunciare. Invece di assecondare scellerate proposte di accorciamento o di diversificazione dei percorsi scolastici, utilizziamo la cultura per unire, non per separare, e ripensiamo finalmente ad una nuova articolazione dei programmi, in cui ampio spazio sia dato alla conoscenza degli autori, della storia, delle vicende culturali del Novecento, cento anni decisivi per far capire ai giovani le questioni più significative della contemporaneità”

Nel 2002 diventa cittadino onorario della città di Artena, luogo in cui trascorreva ogni estate della sua infanzia, nella casa della nonna materna.

Opere di Alberto Asor Rosa

Nel 1965 Alberto Asor Rosa scrive il saggio “Scrittori e popolo”, in cui individua e critica il filone populista che egli riteneva fosse presente nella letteratura contemporanea. Tra le altre opere menzionate da Asor Rosa in “Scrittori e popolo”, anche “Ragazzi di vita” di Pier Paolo Pasolini.

Narrativa

Quando nel 2003 raggiunge l’età pensionabile, Alberto Asor Rosa abbandona l’attività didattica e inizia a dedicarsi alla narrativa. Tra le opere scritte in questo periodo si menzionano: L’alba di un mondo nuovo (Einaudi, 2002), Storie di animali e altri viventi (Einaudi, 2005) e Assunta e Alessandro (Einaudi, 2010).

Critica letteraria

Di seguito tutte le opere di Alberto Asor Rosa, nell’ambito della critica letteraria:

  • Scrittori e popolo, Roma, Samonà e Savelli, 1965.
  • La cultura della Controriforma, Bari, Laterza, 1974.
  • La cultura, in Storia d’Italia, vol. IV: Dall’Unità ad oggi, tomo II, Torino, Einaudi, 1975.
  • La lirica del Seicento, Bari, Laterza, 1975.
  • Sintesi di storia della letteratura italiana, Firenze, La Nuova Italia, 1979.
  • Intellettuali, in Enciclopedia Einaudi, vol. VII, 1979.
  • (curatore) Letteratura Italiana Einaudi, 16 voll., Torino, Einaudi, 1982-2000.
  • Ungaretti e la cultura romana scritto con L. De Nardis, L. Piccioni e L. Silori, Roma, Bulzoni, 1983.
  • Genus italicum. Saggi sulla identità letteraria italiana nel corso del temp, Collana Biblioteca, Torino, Einaudi, 1997.
  • Un altro Novecento, Firenze, La Nuova Italia, 1999.
  • Letteratura italiana del Novecento. Bilancio di un secolo, Torino, Einaudi, 2000.
  • Stile Calvino. Cinque studi, Collana Biblioteca, Torino, Einaudi, 2001.
  • Storia europea della letteratura italiana, 3 voll., Collana Piccola Biblioteca. Nuova serie, Torino, Einaudi, 2009.
  • Le armi della critica. Scritti e saggi degli anni ruggenti (1960-1970), Collana Piccola Biblioteca. Nuova serie, Torino, Einaudi, 2011.
  • Breve storia della letteratura italiana. I. L’Italia dei Comuni e degli Stati, Collana Piccola Biblioteca. Nuova serie, Torino, Einaudi, 2013.
  • Breve storia della letteratura italiana. II. L’Italia della Nazione, Collana Piccola Biblioteca. Nuova serie, Torino, Einaudi, 2013.
  • Scrittori e popolo (1965). Scrittori e massa (2015), Collana Piccola Biblioteca, Torino, Einaudi 2015.
  • Machiavelli e l’Italia. Resoconto di una disfatta, Collana Saggi, Torino, Einaudi, 2019.
  • Scritture critiche e d’invenzione, a cura di Luca Marcozzi, con uno scritto di Massimo Cacciari, saggio introduttivo di Corrado Bologna, Collana I Meridiani, Milano, Mondadori, 2020, p. 2000.
  • L’eroe virile. Saggio su Joseph Conrad, Collana Saggi, Torino, Einaudi, 2021.

Saggistica politica e memorialistica

Di seguito tutte le opere di Alberto Asor Rosa, nell’ambito della saggistica politica e memorialista:

  • Le due società. Ipotesi sulla crisi italiana, Collana Nuovo Politecnico n.95, Torino, Einaudi, 1977.
  • L’ultimo paradosso, Collana gli Struzzi n.295, Torino, Einaudi, 1985.
  • La Repubblica immaginaria. Idee e fatti dell’Italia contemporanea, Milano, A. Mondadori, 1988.
  • Fuori dall’Occidente ovvero ragionamento sull’apocalissi, Collana Contemporanea n.6, Torino, Einaudi, 1992.
  • La sinistra alla prova. Considerazioni sul ventennio 1976-1996, Collana Contemporanea n.46, Torino, Einaudi, 1996.
  • La guerra. Sulle forme attuali della convivenza umana, Collana gli Struzzi, Torino, Einaudi, 2002.
  • Il grande silenzio. Intervista sugli intellettuali, a cura di Simonetta Fiori, Roma-Bari, Laterza, 2009. Ha vinto il Premio Procida-Isola di Arturo-Elsa Morante