Come scegliere una casetta da giardino

0
giardino casa

Le casette da giardino sono molto utili perché vengono adoperate per tanti usi. Per esempio si possono utilizzare per riporre la legna da ardere o per conservare attrezzi da giardino. Tra l’altro la loro presenza può essere anche di una certa resa estetica, anche perché in commercio se ne trovano molte in vari stili, sia rustico che contemporaneo. Per quanto riguarda i materiali di realizzazione, possono essere tanti, perché se ne trovano in legno, in metallo, in resina. Ma quali sono le caratteristiche più importanti che devono possedere? Scopriamone di più a questo proposito, anche per fare la scelta migliore.

Casetta con o senza pavimento?

Come abbiamo già specificato, in commercio si trovano moltissimi tipi di casette da giardino, come quelle che si possono vedere sul sito di Centro Verde Rovigo. C’è davvero l’imbarazzo della scelta e ciascuno può scegliere in base alle proprie esigenze.

Per esempio la prima domanda da farsi quando si sceglie una casetta di questo genere consiste nel chiedersi se sia meglio una casetta con o senza pavimento. La risposta a questa domanda può venire soltanto valutando la superficie su cui andrà collocata la casetta e la sua destinazione d’uso.

Effettivamente il capanno potrebbe essere costituito soltanto da quattro pareti e da un tetto, che poggiano direttamente a terra. Ma se si vogliono eliminare alcuni inconvenienti, come per esempio l’eccessiva umidità, si può scegliere di realizzare una casetta da giardino con un pavimento.

Alcuni ricorrono alla realizzazione di un basamento, come può essere per esempio una lastra di calcestruzzo. In realtà uno dei materiali più utilizzati però è il legno, anche se si può optare per altre soluzioni, come il PVC o la resina.

Sono comunque delle soluzioni molto importanti, perché assicurano un buon isolamento della casetta. Infatti bisogna sempre ricordarsi di fare in modo che il capanno abbia un sottofondo isolante, per essere preservato dall’umidità che può derivare dal terreno.

La scelta delle porte e delle finestre

Ma quali tipi di porte e finestre si possono utilizzare? A volte, quando si utilizza la casetta soltanto per riporre dei materiali, potrebbe non esserci nemmeno la necessità di finestre. Invece queste ultime si dimostrano importanti, se abbiamo bisogno di luce naturale e non è possibile installare all’interno un impianto di illuminazione.

Inoltre le finestre sono indispensabili, se la casetta è destinata ad uno spazio abitabile. In quest’ultimo caso sicuramente è consigliabile installare una finestra apribile e non quella fissa usata soltanto per far entrare la luce. Si può comunque valutare la possibilità di installare una finestra scorrevole, per ottimizzare lo spazio.

La scelta della porta va fatta in base ai materiali e agli attrezzi che vogliamo riporre nello chalet. È chiaro che una porta a battente può essere più ingombrante. Se abbiamo bisogno di riporre tosaerba, motozappa, valutiamo l’opportunità di scegliere una porta doppia, perché questi attrezzi non possono passare da una porta ad anta singola.

I materiali da utilizzare

Chiediamoci adesso quali sono i materiali più utili per realizzare la casetta da giardino. La valutazione va fatta a seconda delle caratteristiche climatiche della zona in cui viviamo. Se abitiamo in una zona umida possiamo affidarci ai modelli in resina, anche perché le casette in resina sono quelle che praticamente non richiedono alcuna manutenzione.

Se invece viviamo in una zona vicino al mare, potremmo tenere in considerazione che il metallo potrebbe risentire dell’aria salmastra. Il legno è il materiale più utilizzato, anche perché è bello anche dal punto di vista estetico, conferendo allo chalet un aspetto rustico eccezionale.

Per esempio se lo chalet viene utilizzato per altri usi che non sono soltanto quelli di riporre gli attrezzi, si può scegliere il legno massiccio, magari con pareti spesse che danno stabilità e durata.