Il celebre conduttore Gerry Scotti senza veli: si confessa per due grandi rimpianti

0
tv

Durante un’intervista il celebre conduttore televisivo si è confessato e ha parlato di due momenti molto importanti di cui si è pentito.

Gerry Scotti è uno dei conduttori più amati e conosciuti della storia della televisione italiana, molte persone lo considerano addirittura il re del quiz italiano. Nel corso della sua pluridecennale carriera ha lavorato tantissimi anni in Mediaset, grazie alla quale ha ottenuto tantissimo successo.

Grazie alla sua simpatia e alla battuta sempre pronta, Gerry è riuscito a conquistare l’affetto di milioni di italiani. Nonostante la sua gloriosa carriera televisiva, lo storico presentatore ha un rimpianto enorme, ovvero la radio.

Infatti, pare che il suo sogno fin da ragazzino fosse quello di riuscire a fare lo speaker radiofonico. Nonostante Gerry ha sempre detto di essere stato un ragazzo fortunato, perché ha vissuto una vita piena di soddisfazioni e emozioni, senza rimorsi, ha aggiunto di avere questo piccolo rimpianto.

La confessione shock di Gerry Scotti sulla sua carriera

Durante un’intervista rilasciata nei giorni scorsi dal celebre conduttore Gerry Scotti alla famosa testata giornalistica Il Corriere della sera, sono emersi diversi discorsi molto interessanti. Gerry si è esposto molto e ha parlato dei suoi sogni e anche dei suoi rimpianti.

Nel corso dell’intervista, il famoso conduttore ha ripercorso passo per passo tutta la sua carriera e si è aperto ulteriormente andando a raccontare della sua infanzia e adolescenza che ha vissuto a Milano, anzi nella Milano bene.

Ha infatti raccontato di aver frequentato il Liceo Carducci ed era il più povero della classe, nonostante a livello economico non gli sia mai mancato nulla. Ha anche detto un aneddoto molto divertente su come conquistava le amiche ricche offrendo loro le torte di sua mamma.

Quando c’è la stata la svolta nella carriera e la radio

Nella parte finale dell’intervista, Gerry Scotti ha parlato della radio e di come è arrivata la svolta nella sua carriera da conduttore. Il momento cruciale del suo percorso lavorativo arriva nel 1987, quando si presenta sul palco del Festivalbar per fare la telepromozione di un marchio di patatine.

Sin da subito sono arrivati i complimenti e il pubblico ha iniziato ad amarlo. Vedendo tutto questo successo così inaspettato e improvviso, Salvetti lo convocò in tempi record e gli propose di condurre completamente il programma l’anno successivo.

Dopo il primo evento condotto con successo è arrivata la televisione e con essa anche il primo quiz. Nel frattempo, Gerry, continuava a lavorare anche in Radio, a Deejay Tv.

I rimorsi del celebre conduttore

Proprio durante questa interessante intervista, Gerry Scotti si è aperto ulteriormente e ha raccontato quali sono i suoi unici due rammarichi. Confessando così al Corriere della Sera una notizia esclusiva.

Il primo rimpianto riguarda il celebre Enzo Garinei che, sapendo che il mito di Gerry è Johnny Dorelli, gli propose di condurre un grande Aggiungi un posto a tavola. Ai tempi a Gerry sembrò una cosa troppo grande ed assurda, talmente grande che non rispose nemmeno. Ancora oggi non si perdona tutto ciò.

Gerry afferma che anche un pilastro della televisione italiana come Bud Spencer si era inventato una cosa per lui, ma anche in quel caso, il lavoro avrebbe portato via tantissimi mesi. Gerry dice anche che avrebbe addirittura pagato per riuscire a realizzare un sogno del genere, ma in questo periodo non poteva proprio accettare e quindi, con un po’ di rammarico e dispiacere, non si vergogna di questa scelta.

Ha parlato anche del suo periodo in politica del quale si è pentito e dice che aveva iniziato solo perché era disgustato dalla situazione. Afferma anche di prendere ancora i 1000€ di pensione, che nonostante lui provi ad evitare di percepirli, nessuno glieli vuole togliere.

Fonte: www.baritalianews.it