Presidenziali USA 2024: Donald Trump si ricandida alla Casa Bianca

0
L'ex presidente annuncia la terza corsa alla Casa Bianca nonostante i risultati incerti delle elezioni di metà mandato e l'ascesa del rivale Ron DeSantis.

L’ex presidente Donald Trump annuncia la sua terza corsa alla Casa Bianca nonostante i risultati incerti delle elezioni di metà mandato e l’ascesa del rivale repubblicano Ron DeSantis.

L’annuncio di Donald Trump: l’ex presidente di nuovo in corsa per la Casa Bianca

La sera di martedì 15 novembre Donald Trump ha annunciato la sua ricandidatura alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, come rappresentante del Partito Repubblicano, scatenando probabilmente un altro periodo di tumulto nella politica statunitense e soprattutto nel suo stesso partito politico.

Per rendere l’America di nuovo grande e gloriosa, stasera annuncio la mia candidatura a presidente degli Stati Uniti”, ha dichiarato Trump dalla sala da ballo del suo club privato Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida, da sopra un palco ricoperto di bandiere americane e striscioni di Make America Great Again.

Promettendo di sconfiggere Joe Biden alle elezioni presidenziali del 2024, Trump ha affermato: “L’età dell’oro dell’America è vicina”.

I risultati poco favorevoli delle elezioni di metà mandato negli USA

L’annuncio della ricandidatura di Donald Trump alle presidenziali del 2024 arriva quando la posizione dell’ex presidente all’interno del partito repubblicano viene improvvisamente messa in discussione.

Trump ha parlato a Mar-a-Lago una settimana dopo le elezioni di metà mandato in cui il suo partito non ha ottenuto i risultati attesi, perdendo il Senato e sembrando sulla buona strada per ottenere solo una ristretta maggioranza alla Camera degli Stati Uniti. L’ondata rossa annunciata dall’ex presidente USA non si è verificata, anzi, i risultati elettorali sembrano favorire i democratici.

Nel suo discorso, Trump si è preso il merito della vittoria dei repubblicani alla Camera, anche se la verità dei fatti è diversa: i repubblicani sono pronti a conquistare alla meglio solo una maggioranza molto più ristretta del previsto.

Ron DeSantis potrebbe sostituire Trump come rappresentante dei repubblicani alle prossime elezioni

In un partito fino a questo momento dominato da Donald Trump, le sconfitte subite da candidati di alto profilo appoggiati dall’ex presidente hanno portato ad attacchi aperti contro Trump e inviti a ritardare il suo annuncio o addirittura a non candidarsi affatto. Poiché la posizione di Trump è molto fragile, Ron DeSantis, il governatore della Florida, si è fatto avanti dopo la sua rielezione della scorsa settimana.

La terza candidatura repubblicana di Donald Trump arriva inoltre mentre l’ex presidente affronta problemi legali, tra cui le indagini del dipartimento di giustizia sulla rimozione di centinaia di documenti riservati dalla Casa Bianca alla sua tenuta in Florida e sul suo coinvolgimento nell’attacco del 6 gennaio.

Trump ha negato gli illeciti e ha utilizzato gli attacchi per promuovere la sua narrazione secondo cui è stato ingiustamente preso di mira dai suoi oppositori politici e da un’oscura burocrazia dello “stato profondo”.