Anestesista donna a Savona, paziente rifiuta l’intervento

savona anestesista donna

Tutto era pronto per l’operazione, ma non voleva una donna come anestesista

Colpo di scena prima di un intervento di ernia inguinale a Savona. Tutto era pronto per questo intervento di routine, ovvero medici con camici, mascherine e guanti, il paziente già preparato e l’anestesista pronto ad iniettare il farmaco idoneo. Peccato che un sessantenne savonese ha fatto il diavolo a quattro per non essere operato all’ospedale San Paolo. La motivazione? L’anestesista era una donna. Nonostante lo sconcerto del personale sanitario, il quale ha tentato in tutti i modi di fargli cambiare idea, la posizione del paziente era irremovibile. La motivazione è assurda: le anestesiste dell’ospedale non sarebbero brave.

Il paziente, spalleggiato dalla moglie, ha preteso di firmare e tornare a casa e anche il chirurgo in procinto di effettuare l’operazione è rimasto di stucco, chiedendosi chi sarebbe il pazzo a tenersi un’ernia dando credito a delle voci senza fondamento. La vicenda, risalente a un paio di giorni fa, è stata poi segnalata al primario di Anestesia e Rianimazione e coordinatore gestionale dei blocchi operatori degli ospedali di Savona e Cairo, Brunello Brunetto, contrariato per il fatto che ci sia ancora una distinzione di sesso per il ruolo di medico.

Rifiuta intervento per anestesista donna, come è andata a finire

Condanna unanime per il pensiero del paziente e della moglie e piena solidarietà all’anestesista donna di Savona. Inaccettabile non sottoporsi alle cure perché si tratta di una dottoressa e sulla base di voci infondate, quando l’ospedale San Paolo gode di personale medico e infermieristico altamente qualificato. E il rammarico di tutti è che hanno dovuto arrendersi nonostante le motivazioni futili: il paziente ha preteso di “firmare e andare via”, perché “se l’anestesista è donna, non mi opero”. Rifiutare le cure per questioni di sesso è da pazzi, specialmente se si è affetti da una fastidiosa ernia inguinale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*