Il cacao stimola il cervello: cioccolato alleato della memoria

Ottime notizie per i golosoni e per chi deve passare l’estate sui libri: un aiuto valido per la memoria si può ottenere dal cioccolato. Basta sensi di colpa nel mangiarlo, o almeno così sostiene una ricerca dell’Università degli Studi dell’Aquila pubblicata sulla rivista Frontiers in Nutrition. Il cacao stimola il cervello, migliorando notevolmente le funzioni cognitive e l’apprendimento in poche ore. Il team di esperti con a capo la Dott.ssa Valentina Socci ha svelato come i flavonoidi contenuti nel cacao siano in grado di influenzare la memoria e le funzioni cognitive, scoprendo che i benefici si ottengono quasi immediatamente dopo l’assunzione di questo alimento tanto amato da adulti e bambini.

Il cacao, quindi, ha un effetto neuroprotettivo. Il cioccolato migliora il buonumore, ma anche la memoria e i meccanismi del cervello. Assunto regolarmente, inoltre, migliorano notevolmente le capacità cognitive, a patto di non esagerare. Quanto cioccolato mangiare per ricevere gli effetti benefici, ma per non abbondare con zuccheri e calorie?

Come spiega la Dott.ssa Socci, i flavonoidi del cacao sono in grado di aumentare il volume del sangue cerebrale nel giro dentato dell’ippocampo, una delle strutture maggiormente colpite dall’invecchiamento e destinata al declino per quanto riguarda la memoria e l’apprendimento legati all’età negli esseri umani. Basta quindi assumere regolarmente cacao e cioccolato per avere dei benefici sul funzionamento cognitivo nel tempo. Il consumo ideale di questo alimento è dai 10 ai 20 gr al giorno, tradotto, uno o due quadratini di tavoletta di qualità extra fondente, priva di zuccheri ma ricchissima di composti fenolici.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*