Banca Carige diventa Bper: conti inaccessibili e sito bloccato

0
Banca Carige diventa Bper e nel processo di incorporazione si presentano alcuni problemi tecnici: conti inaccessibili e sito internet bloccato per ore.

Banca Carige diventa Bper e nel processo di incorporazione si presentano alcuni problemi tecnici: numerosi conti risultano inaccessibili e il sito internet è rimasto bloccato per ore.

BPER Banca S.p.A.: dalle origini al Gruppo BPER

BPER Banca S.p.A., conosciuta in passato come Banca Popolare dell’Emilia-Romagna, è la terza banca nazionale italiana.

BPER Banca S.p.A. nasce nel 1867 come banca popolare con la denominazione di Banca Popolare di Modena S.c.a.r.l. Nel 1983, dopo la fusione con la Banca Cooperativa di Bologna, cambia nome in Banca Popolare dell’Emilia, poi trasformato in Banca Popolare dell’Emilia-Romagna in seguito alla fusione con la Banca Popolare di Cesena nel 1992.

La denominazione ufficiale dell’istituto bancario passa a BPER Banca S.p.A. nel 2016, dopo la trasformazione da banca popolare a società per azioni.

A partire dal 1994 BPER ha acquisito molti istituti bancari, alcuni sono stati in seguito incorporati dalla capogruppo o da altre banche del gruppo bancario, in questo modo prendeva forma il progetto di unificare nel Gruppo BPER diverse banche locali.

Banca Carige diventa Bper: il processo di incorporazione

Nel quadro di questo progetto di incorporazione si inserisce la Banca Carige.

Banca Carige – Cassa di Risparmio di Genova e Imperia è stata, fino all’acquisizione da parte di BPER S.p.A., una banca italiana con sede a Genova. Fondata nel 1483 su iniziativa di fra’ Angelo da Chivasso, il nome originario era Monte di Pietà di Genova. Le origini medievali fanno di Banca Carige una tra le banche più antiche del mondo.

La Banca Carige interrompe definitamente le sue attività dopo fusione per incorporazione in BPER Banca il 28 novembre 2022.

Malfunzionamenti e conti inaccessibili nel giorno dell’incorporazione

Il primo giorno del nuova realtà dei correntisti Carige ora Bper non è stato privo di intoppi, soprattutto a causa dell’impossibilità di fare versamenti, codici che non arrivavano e altri disguidi che hanno generato lunghe file agli ingressi delle filiali. Anche il sito internet per qualche ora sembrava non voler proprio funzionare.

Tuttavia, non c’è da preoccuparsi, si tratta di intoppi temporanei e facilmente risolvibili, dovuti alle procedure di incorporazione attualmente in atto, che i lavoratori si stanno impegnando a sistemare ognuno nel proprio ambito di competenza.

Fabrizio Mattioli (FIRST CISL Segretario Responsabile Liguria) e Matteo Muzio (FIRST CISL Segretario Gruppo Bper Banca) hanno dichiarato:

“È evidente che un passaggio così “epocale” non può che comportare un impegno professionalmente pesante per le colleghe ed i colleghi dell’ormai ex Gruppo Carige, che stanno continuando a lavorare alacremente, compreso lo scorso weekend, per contribuire a che tutto fili il più liscio possibile. Per quanto ci riguarda, stiamo monitorando attentamente la situazione, proprio con specifico riferimento alle ricadute di questo passaggio su lavoratrici e lavoratori, sui carichi di lavoro ed in generale sugli impatti di tale operazione”