Bonus 150 euro: chi sono i destinatari di novembre

0
Per il mese di novembre è previsto un bonus che ammonta a 150 euro, sono 22 milioni gli italiani che ne hanno diritto: ecco quali sono i requisiti.

Il decreto legge n. 144 del 23 settembre 2022 ha stabilito un’indennità per il mese di novembre che ammonta a 150 euro.

Chi ha diritto al bonus di 150 euro

Nel mese di novembre quasi 22 milioni di italiani riceveranno il bonus di 150 euro: si tratta del contributo una tantum stanziato dal governo Draghi per supportare i cittadini contro inflazione e caro prezzi, la misura di sostegno sociale fa parte del decreto Aiuti ter.

Al bonus di 150 euro hanno diritto solo i cittadini che hanno percepito nel 2021 un reddito massimo di 20mila euro.

Stabilita questa condizione preliminare, ecco chi riceverà il bonus a novembre:

  1. Lavoratori dipendenti
  2. Pensionati
  3. Colf e disoccupati
  4. Dottorandi, assegnisti di ricerca e co.co.co
  5. Percettori del reddito di cittadinanza
  6. Autonomi senza partita Iva
  7. Autonomi

Lavoratori dipendenti

I lavoratori dipendenti il cui stipendio lordo non supera i 1.538 euro mensili hanno diritto al bonus di 150 euro, che verrà loro accreditato direttamente sulla busta paga del mese di novembre.

Per ottenere il bonus è però necessario che i lavoratori dipendenti abbiano presentato un’auto-dichiarazione al proprio datore di lavoro che attestasse il possesso dei requisiti.

Pensionati

I pensionati riceveranno automaticamente il bonus di 150 euro, che sarà loro accreditato dall’Inps sulla pensione del mese di novembre. Per ottenere il bonus è necessario risiedere in Italia ed essere titolari di uno o più trattamenti pensionistici: pensione o assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti. Riceveranno il bonus anche i pensionati titolari di trattamenti di accompagnamento.

Colf e disoccupati

I lavoratori domestici e i soggetti che a novembre percepiranno l’indennità mensile di disoccupazione Naspi oppure l’indennità di disoccupazione agricola di competenza del 2021, riceveranno automaticamente il bonus di 150 euro senza dover presentare alcuna domanda.

Dottorandi, assegnisti di ricerca e co.co.co

I dottorandi, gli assegnisti di ricerca e i co.co.co. hanno diritto al bonus da 150 euro, ammesso che non siano iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, non abbiano percepito nel 2021 un reddito superiore a 20mila euro, e abbiano presentato l’apposita domanda.

Percettori del reddito di cittadinanza

I percettori del reddito di cittadinanza hanno diritto all’indennità: i 150 euro saranno direttamente accreditati sulla mensilità di novembre. L’unico altro requisito è che nel nucleo famigliare non ci siano beneficiari di altre indennità.

Autonomi senza partita Iva

Anche gli autonomi senza partita Iva riceveranno automaticamente l’indennità.

Autonomi

I lavoratori autonomi sono beneficiari del bonus di 150 euro solo se nel 2021 hanno percepito un reddito massimo di 20mila euro. Questa categoria deve presentare domanda.