Censimento ISTAT 2022: come funziona e a che cosa serve?

0
Censimento ISTAT 2022 come funziona a che cosa serve e tutto ciò che c'è da sapere

Nel mese di ottobre 2022 l’ISTAT dà il via all’annuale Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni. Ecco come funziona e tutto ciò che c’è da sapere a tal proposito: tutte le informazioni di seguito, relativamente a che cos’è il censimento, come funziona e chi riguarderà tra i cittadini.

Quante famiglie faranno parte del censimento e come sapere se si sarà parte del campione?

Le famiglie selezionate come campione del censimento 2022 sono 1 milione 326.995, sparse in 2531 Comuni sull’intero territorio nazionale. Le famiglie selezionate per il censimento riceveranno una comunicazione via email oppure nella propria casella postale.
Si ricorda che la partecipazione al censimento è un obbligo di legge.

Come funziona il censimento e a che cosa serve?

Il Censimento consente di conoscere quali sono le principali caratteristiche strutturali e socio-economiche della popolazione italina a più livelli: nazionale, regionale e locale. Permette altresì e di confrontare le informazioni raccolte con quelle degli anni precedenti e degli altri Paesi.

Il Censimento si articola in due diverse rilevazioni campionarie denominate “da Lista” e “Areale”. La prima rilevazione si rivolge ad un campione di famiglie sorteggiate dalle liste anagrafiche a prescindere dall’indirizzo di residenza. Le famiglie estratte potranno compilare il proprio questionario online, oppure rivolgendosi al Comune di residenza, o ancora richiedendo l’intervista presso la propria abitazione.

La seconda rilevazione riguarda una lista di indirizzi sorteggiati dall’Istat, presso cui si receranno i rilevatori incaricati per intervistare le famiglie. Attraverso l’integrazione di questi dati con quelli provenienti dalla Pubblica Amministrazione, l’Istat riesce ad elaborare informazioni che risultano rappresentative dell’intera popolazione