Condizionatore in casa: come sceglierlo e usarlo al meglio

0
condizionatore

Non sempre è semplice scegliere il condizionatore più adatto per la casa. Questo perché è sempre essenziale tenere conto di numerosi fattori che influiscono sulla scelta. Le domande che si pongono coloro che hanno la necessità di acquistare un nuovo condizionatore sono veramente tante. Ci si chiede spesso se è meglio rivolgersi all’acquisto di un condizionatore fisso o di uno portatile, che cosa sono i condizionatori inverter e se è opportuno usufruire di altre funzionalità oltre a quelle del raffrescamento dell’ambiente domestico. Quali sono quindi i fattori da valutare per la scelta di un condizionatore e quali sono gli elementi da considerare per un corretto utilizzo di un impianto di questo tipo, anche nell’ottica del risparmio energetico?

Come scegliere il giusto impianto

Il primo fattore da considerare è quello che riguarda la scelta del prodotto più adeguato alle esigenze personali, affidandosi sempre ad un’azienda specializzata, come un concessionario Mitsubishi Electric a Modena, Parma e Reggio Emilia, che possa garantire un supporto costante, per l’installazione dei condizionatori, per la manutenzione programmata e per l’assistenza prima e dopo la vendita. Un’azienda certificata sarà in grado di svolgere un lavoro ottimale fin da prima dell’acquisto, fornendo anche dei suggerimenti corretti per risolvere i dubbi che i clienti potrebbero avere.

Un elemento che bisogna tenere in considerazione quando si sceglie un condizionatore è quello relativo al numero delle stanze che si devono raffrescare. Se si sta cercando una soluzione utile per mantenere una temperatura ottimale in tutta l’abitazione o se si vive in ambienti domestici con certe dimensioni, è fondamentale scegliere un impianto fisso, capace di fornire delle migliori prestazioni.

Naturalmente è essenziale valutare le dimensioni della casa. Non è opportuno, ad esempio, installare un unico condizionatore nel corridoio dell’abitazione, sperando che possa rinfrescare l’intera casa. Infatti in questo caso le stanze non potranno beneficiare di una temperatura fresca, ma l’unico ambiente che verrà rinfrescato sarà proprio quello del corridoio.

Il climatizzatore fisso può avere a disposizione una tecnologia inverter oppure on-off. Nel primo caso viene regolata costantemente la temperatura interna, con l’obiettivo di raggiungere il livello desiderato in pochissimo tempo. A quel punto, quando sarà raggiunta la temperatura ottimale, la potenza diminuisce e il condizionatore mantiene stabile la temperatura.

I condizionatori on-off, invece, nel momento in cui si raggiunge la temperatura voluta, si spengono e funzionano nuovamente quando si verifica una variazione del livello di temperatura all’interno della stanza.

Le funzioni aggiuntive da scegliere

Per quanto riguarda la scelta di modelli con funzioni aggiuntive, dobbiamo ricordare che esiste l’opportunità di scegliere delle opzioni extra molto utili, che si aggiungono alla capacità di raffreddare l’ambiente domestico. Per esempio ci sono i condizionatori a pompa di calore, che permettono anche di riscaldare le stanze della casa nelle stagioni più fredde. Possono essere usati ad esempio anche in autunno o nella stagione invernale.

Tra le altre funzioni che un condizionatore può offrire, ci sono ad esempio quelle di deumidificazione o quelle che includono l’integrazione di un ionizzatore, che ha l’obiettivo di purificare l’aria delle stanze in cui questi impianti sono installati e rimangono attivi e funzionanti.

L’efficienza energetica con il condizionatore

Per fare in modo che venga rispettato il principio dell’efficienza energetica, bisogna procedere regolarmente alla pulizia e alla manutenzione dell’impianto. È necessario, ad esempio, pulire le ventole e i filtri dell’aria sia prima dell’accensione stagionale che ogni due settimane.

Inoltre potrebbe essere utile impostare le funzioni del timer e la modalità sleep. In entrambi i casi si tratta di funzioni che consentono di ridurre il tempo di accensione del condizionatore, accrescendo il comfort abitativo e ottimizzando la temperatura all’interno delle stanze della casa.

A questo proposito non possiamo non ricordare l’importanza di affidarsi ad un’azienda certificata, che possa anche effettuare una diagnosi energetica dell’immobile, valutando ad esempio il corretto stato di isolamento termico delle pareti.