La Finlandia entra nella Nato: “Decisione necessaria perché la Russia è imprevedibile”

0
Finlandia entra nella Nato, conseguenze ingresso nell'Alleanza Atlantica

La politica estera e la geopolitica internazionale si arricchisce di una notizia particolarmente calda, rimbalzata velocemente su tutti i portali di informazione e quotidiani che si occupano della materia politica. La Finlandia ha deciso di entrare nella Nato, secondo quanto espresso all’interno di una nota in cui la nazione ha chiarito la sua volontà di entrare a far parte dell’Alleanza Atlantica. Si tratta, sicuramente, di una risposta a tutti gli eventi che hanno riguardato la Russia e le sue decisioni in ambito bellico e di politica estera, per garantire sicurezza alla nazione. La stessa decisione dovrebbe essere presa anche dalla Svezia.

La Finlandia entra nella Nato: la nota della Nazione e il suo ingresso nell’Alleanza Atlantica

Il presidente finlandese, Sauli Niinisto, e la premier, Sanna Marin, hanno annunciato ufficialmente l’imminente ingresso della Finlandia nella Nato. Si tratta di una decisione presa, da parte della nazione, in risposta a tutto ciò che si osserva – dal punto di vista geopolitico e bellico – negli ultimi mesi, a seguito dei primi attacchi avvenuti dalla Russia nei confronti dell’Ucraina. Al fine di garantire sicurezza alla nazione e di apportare quello che viene definito un supporto bellico e umano consistente, la Finlandia ha deciso di presentare ufficialmente una domanda di adesione alla Nato.

Questa la nota ufficiale della Finlandia: “È stato necessario del tempo per la formazione di una posizione interna sia in Parlamento che nella società nel suo insieme. È stato necessario del tempo per stretti contatti internazionali sia con la Nato che con i suoi Paesi membri, nonché con la Svezia. Ora che si avvicina il momento del processo decisionale, esprimiamo anche le nostre posizioni comuni per informare i gruppi e partiti parlamentari”.

Ingresso della Finlandia nella Nato: quali sono le conseguenze?

L’ingresso della Finlandia nella Nato provocherà sicuramente delle conseguenze avvertite dal punto di vista geopolitico, bellico e internazionale. La nazione, nella sua nota ufficiale, ha già parlato di un supporto – in termini di soldati attivi – che potrà essere dato all’Alleanza Atlantica.

In particolar modo, all’interno della nota si legge: “Siamo convinti che la Finlandia porterà un valore aggiunto alla Nato. Abbiamo 280 mila soldati operativi, abbiamo una riserva di 900 mila soldati. Abbiamo una flotta che siamo pronti a sostituire con sei F35 ordinati di recente”.