Mondiali, l’Iran rischia l’eliminazione per violazione dei diritti umani: l’Italia sarà ripescata?

0
Mondiali Iran sarà escluso, Italia viene ripescata?

Desta particolare scalpore la scelta dell’Iran che, in occasione della sua ultima partita in casa contro il Libano, ha vietato l’accesso allo stadio alle donne; per questa violazione dei diritti umani, potrebbe essere possibile l’eliminazione dai mondiali dell’Iran, che rischia di non partecipare ai Campionati del Mondo 2022 dopo una qualificazione ottenuta sul campo, all’interno del proprio girone. Per quanto non esista una regolamentazione precisa che definisce il criterio di ripescaggio di nazionali, in caso di eliminazione di una nazionale, l’Italia può sperare per quel che concerne la decisione della FIFA. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a tal proposito.

L’Iran sarà squalificato dai Mondiali: che cosa è successo?

È balzato agli onori della cronaca la decisione presa dall’Iran che, in occasione dell’ultimo match di qualificazione ai Mondiali, che si è svolto in casa contro il Libano, ha vietato l’accesso allo stadio da parte delle donne, per quanto fossero stati messi a disposizione ben 2000 biglietti per qualsiasi tipologia di spettatore. Successivamente, in virtù del fatto che la partita si sia svolta a Mashhad, una città religiosa presente al nord del paese, le donne non sono state ammesse allo stadio, creando grandissima preoccupazione e scalpore da parte di spettatori dell’evento, addetti ai lavori e tanti altri rappresentanti del calcio internazionale e non solo.

La FIFA, in occasione del settembre del 2019, aveva già inviato un ultimatum all’Iran, minacciando una possibile esclusione dai campionati del mondo 2022 nel caso in cui non fossero stati assicurati i diritti umani anche alle donne, per quel che concerne la partecipazione allo stadio che risulta essere assolutamente libera per chiunque. In virtù di questa decisione, che va oltre il divieto già precedentemente imposto da parte dell’organo internazionale del calcio, un’esclusione dell’Iran sembra maggiormente possibile nonostante le scuse avvenute da parte del governatore dell’Iran.

Italia ripescata se l’Iran viene esclusa dai Mondiali?

Un’esclusione dell’Iran potrebbe favorire la corsa ai Mondiali da parte dell’Italia, per quanto la nazionale guidata da Roberto Mancini sia stata eliminata sul campo dalla Macedonia, nell’ambito della sfida a eliminazione diretta che ha portato gli azzurri a perdere per 1 a 0. In effetti, non importa quali siano i criteri con cui le nazionali escluse hanno trovato una sconfitta sul campo; allo stesso modo, la FIFA si riserva la possibilità di scegliere una qualsiasi nazionale tra i diversi continenti che prevedono manifestazioni sportive adibite alla qualificazione per i campionati del mondo che si svolgeranno in Qatar nel 2022. Tra le tante nazionali escluse, ci sono sicuramente i nomi illustri: a partire dalla Turchia, dalla Svezia e dall’Austria, in Europa, fino a giungere ad alcune nazionali sudamericane, tra cui Colombia e Cile che potrebbero non accedere ai campionati del mondo.

In Africa, invece, nazionali illustri come l’Egitto e la Nigeria non hanno trovato la qualificazione sul campo. In virtù di una mancanza di criteri precisi, sia di natura quantitativa, sia di natura qualitativa, la FIFA può avere la possibilità di scegliere la nazionale che partecipa ai Mondiali in luogo dell’Iran, qualora la nazionale asiatica dovesse essere squalificata e, di conseguenza, eliminata dai mondiali. Per questo motivo, la speranza degli italiani aumenta per due motivi: di sicuro, considerando tutte le squadre eliminate, il valore singolo della nazionale è maggiore rispetto alla maggior parte delle altre squadre; in secondo luogo, l’Italia è uno dei nomi storici dei Campionati del Mondo, avendo vinto il mondiale per ben quattro volte e figurando tra le squadre più importanti all’interno dell’albo d’oro. Avere una nazionale come l’Italia ai Mondiali aumenta, sicuramente, il livello complessivo e il tenore della manifestazione sportiva. Per questo, non ci si stupirebbe di fronte a una scelta simile.