Sale eSport chiuse in tutta Italia: che cosa sta succedendo?

0
Sale eSport chiuse in tutta Italia, che cosa sta succedendo?

Ha fatto particolarmente discutere la notizia secondo la quale, a seguito di un esposto presentato da un’azienda che amministra sale giochi, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli abbia deciso di chiudere le sale di eSport in tutta Italia. Il fenomeno degli eSport, quegli sport digitali che permettono a bambini, adolescenti e adulti di gareggiare e confrontarsi in sale gioco virtuali presenti in tutta Italia, è diventato sempre più importante all’interno della penisola, ma rischia di essere drasticamente limitato a causa della chiusura delle sale eSport in tutta Italia: che cosa sta succedendo?

Sale eSport chiuse in tutta Italia: la denuncia dei titolari

In pochissime ore si è diffusa la notizia riguardante la chiusura delle sale eSport in tutta Italia; a darne conferma sono stati direttamente i titolari di queste sale giochi virtuali che, in virtù di una concreta attività promozionale, sono molto conosciuti e attivi sui social. Parlando attraverso Tik Tok, Instagram e altri social, i titolari delle sale eSport chiuse in tutta Italia hanno denunciato una situazione che potrebbe essere drastica per i videogiocatori e i titolari di queste realtà videoludiche italiane, oltre che per il mondo dell’eSport in generale.

Tra i commenti che sono arrivati nelle ultime ore, c’è quello di un noto titolare di una sala di eSport milanese, che spiega: “Noi lo ringraziamo per aver pensato a noi per primi… Nel suo esposto… Lo ringraziamo per averci fatto ribaltare i locali… Ma lo ringraziamo ancora di più per quello che ne seguirà. Ma purtroppo…. Ai clienti non devi far vedere quanto si è bravi ad azzoppare gli altri… I clienti vogliono sorrisi, competenza, trasparenza e CORRETTEZZA. Adesso che ci hanno sequestrato a noi in primis tutte le postazioni… Spero vi si apra un mondo… Del tutto nuovo… Un mondo che a noi è molto familiare…. Quello del sacrificio e della dedizione e della totale mancanza di tempo per guardare l’operato degli altri. Fate girare per favore perché da oggi tutte le sale lan italiane non sono più in regola grazie all’esposto di un noto imprenditore Italiano al quale siamo arrivati per la troppa pubblicità ci dicono.”

Perché tutte le sale di eSport in Italia sono state chiuse?

Il riferimento della denuncia di un titolare, che ha parlato di un noto imprenditore italiano che ha provocato la chiusura di tutte le sale di eSport in Italia, è Sergio Milesi, che ha provocato un intervento dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, a loro volta impegnati nella chiusura di tutte le sale di eSport in Italia e dell’inattività di PC e altre postazioni da gaming realizzate.

Nel parlare ad Agimeg, l’AD ha spiegato: “La nostra società è titolare di diverse sale giochi in numerose regioni italiane e abbiamo alle nostre dipendenze circa 250 persone. Il nostro settore ha avuto un periodo molto complicato a seguito del Covid e, come se non bastasse, ora ci troviamo come competitor delle attività ludiche che al loro interno ospitano apparecchi senza gettoniera, ma che richiedono di pagare un determinato prezzo all’ingresso e per poter giocare ai cosiddetti giochi elettronici”.