Mafia Capitale, le condanne per Massimo Carminati e Salvatore Buzzi

Mafia Capitale, le condanne per Massimo Carminati e Salvatore Buzzi
Foto di Vincenzo Livieri (LaPresse)

Carminati e Buzzi condannati a 20 e 19 anni, caduta l’accusa di associazione mafiosa nel processo Mafia Capitale

I giudici della decima sezione penale di Roma hanno letto oggi le condanne dei 46 imputati nel processo Mafia Capitale, iniziato a novembre 2015. I principale imputati Massimo Carminati e Salvatore Buzzi sono stati condannati a 20 e 19 a di carcere anche se è caduta l’accusa di associazione di stampo mafioso contestata a loro e ad altri 19 imputati. Massimo Carminati ha fatto sapere tramite i suoi legali di essere soddisfatto per il verdetto dei giudici, diversamente Salvatore Buzzi attende il processo d’appello e spera nel frattempo di essere scarcerato. Ricordiamo che la procura aveva chiesto 28 anni e 26 anni e tre mesi.

Le accuse contestate sono associazione a delinquere, estorsione, turbativa d’asta e corruzione, quella più grave intorno a cui ruotava tutta l’inchiesta Mafia Capitale è proprio quella non riconosciuta. Tra gli altri imputati c’è anche Mirko Coratti, ex presidente del Consiglio Comunale di Roma condannato a 6 anni di reclusione, mentre per Franco Panzironi, l’ex amministratore delegato di Ama sono 10 gli anni di carcere.

Mafia italiana e appalti: smontate le accuse legate al reato di associazione mafiosa

L’inchiesta Mafia Capitale aveva preso il via nel 2014, decine gli arresti per presunta associazione mafiosa tra esponenti politici e della criminalità organizzata romana. Appalti e finanziamenti pubblici secondo l’accusa venivano controllati con metodi mafiosi e il reato al centro dell’inchiesta era il 416 bis. Per la prima volta l’imputazione veniva attribuita a persone e organizzazioni che non avevano riferimenti diretti con le associazioni mafiose. In verità l’accusa era stata criticata sin dall’inizio del processo ed è stata smontata. A febbraio l’archiviazione per 113 imputati nel filone che vedeva coinvolti anche l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno e Nicola Zingaretti, presidente della regione Lazio.

NON RIMANDARE COME AL SOLITO, LA BELLA STAGIONE SI AVVICINA, CREMA ANTICELLULITE BARO COSMETICS, LA MIGLIORE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*