Meta, stop alla musica sui social: salta l’accordo con SIAE

0
L'accordo tra Meta e SIAE è saltato: sui social di Zuckerberg non si potranno più utilizzare brani tutelati dall'agenzia italiana dei diritti d'autore.

L’accordo tra Meta e SIAE è saltato: d’ora in poi sui social di Mark Zuckerberg non sarà più possibile utilizzare i brani tutelati dalla Società italiana degli autori ed editori.

Meta, stop alla musica sui social: salta l’accordo con SIAE

Meta è il gruppo di Mark Zuckerberg che comprende social network quali Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger. Da qualche anno è possibile arricchire i propri contenuti social (soprattutto su Instagram e Facebook), con contenuti musicali. In particolare, è pratica comune inserire brani nei propri post, nelle storie e nei reel. Tuttavia, d’ora in poi non sarà più possibile.

Infatti, l’accordo tra Meta e la Società italiana degli autori ed editori (SIAE) è saltato. La SIAE è l’agenzia italiana di riscossione dei diritti d’autore: è l’intermediario monopolista tra gli autori di brani musicali e i consumatori, gestendo gli aspetti economici e la distribuzione del denaro dei diritti d’autore della musica italiana d’autore agli autori e per loro conto.

In una nota di Meta, si legge: “Purtroppo non siamo riusciti a rinnovare il nostro accordo di licenza con SIAE. La tutela dei diritti d’autore di compositori e artisti è per noi una priorità assoluta e per questo motivo, a partire da oggi, avvieremo la procedura per rimuovere i brani del repertorio Siae all’interno della nostra libreria musicale.

La Società italiana degli autori ed editori, da parte sua, definisce la decisione di Meta “unilaterale e incomprensibile”, e continua: “Colpisce questa decisione considerata la negoziazione in corso, e comunque la piena disponibilità di SIAE a sottoscrivere a condizioni trasparenti la licenza per il corretto utilizzo dei contenuti tutelati. Tale apertura è dimostrata dal fatto che SIAE ha continuato a cercare un accordo con Meta in buona fede, nonostante la piattaforma sia priva di una licenza a partire dal 1 gennaio 2023. SIAE non accetterà imposizioni da un soggetto che sfrutta la sua posizione di forza per ottenere risparmi a danno dell’industria creativa italiana.

Il mancato accordo tra Meta e SIAE avrà delle conseguenze sui social del gruppo di Mark Zuckerberg a partire da subito. Nello specifico, verranno rimossi dalla libreria tutti i brani del repertorio SIAE, mentre i contenuti già pubblicati verranno silenziati, a meno che gli utenti non sostituiscano l’audio con una traccia ancora disponibile. Infatti, il catalogo musicale Meta non verrà eliminato, ma semplicemente ridotto: i brani che non rientrano nel repertorio SIAE potranno ancora essere utilizzati.