Nove Maggio: testo, significato e traduzione della canzone di Liberato

0
Nove Maggio testo, significato, traduzione, canzone celebre di Liberato

Nove Maggio è sicuramente una delle canzoni più celebri che siano state pubblicate nell’ambito della musica contemporanea. Liberato, il cantante e cantautore che ha pubblicato questa canzone diventando celebre, ha fondato parte del suo successo grazie al suo anonimato: a distanza di anni, ancora nessuno è riuscito a scoprire quale fosse l’identità segreta di Liberato, per quanto non siano state poche le associazioni avvenute nel corso degli anni. Tornando alla canzone, una perla ricca di significato e messaggi segreti, Nove Maggio è senza dubbio la canzone più famosa di Liberato, nonché una delle più amate. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito del testo, del significato e della traduzione di Nove Maggio di Liberato.

Testo di Nove Maggio, celebre canzone di Liberato

Nove Maggio è stato un fulmine a ciel sereno, una ventata di aria fresca per napoletani, italiani e amanti della musica in generale. Una canzone ricca di significato, di messaggi nascosti e basata su un testo bellissimo, amato da tutti, che ha conquistato il pubblico attraverso le sue note. Per comprendere di più della bellezza di questa canzone, vale la pena leggere il testo di Nove Maggio, celebre canzone di Liberato:

Nove maggio m’è scurdat’
T’hann’ vist’ ca’ tornàv insiem’ a n’at
Nun m’ sient’, nun m’ piens’
Tengo o’ core che nun può purtà paziènz
Arap l’uocchie e vir’
Ca’ ppe trasi’ nell’anìm ci vuo’ nu’ suspìr
Fai nu’ tirò tu, io nun m’ fir’
Non c’ pozz’ mai pensà a stu fatt’ tu nun m’ crir’
Arap e man’ e vir’
Ca’ ppe caccià na lacrìm ci vuo’ nu’ respìr
Fai nu’ tirò tu, io nun m’ fir’
Non c’ pozz’ mai pensà a stu fatt’ tu nun m’ crir’
Nove maggio m’è scurdat’
T’hannò vist’ ca’ tornàv insiem’ a n’at
Nun m’ sentì, nun m’ pens’
Tengo o’ core che nun può purtà paziènz
Nove maggio m’è scurdat’
T’hann’ vistò ca’ tornàv insiem’ a n’at
Nun m’ sient’, nun m’ piens’
Tengo o’ core che nun può purtà paziènz
Nove maggio
Nove maggio
Nove maggio t’è scurdat’
T’aggio vistò ca’ tornàv insiem’ a n’at
Nun m’ sient’, nun m’ piens’
Tengo o’ core che nun può purtà paziènz
Nove maggio
Arap l’uocchie e vir’
Ca’ ppe trasi’ nell’anìm ci vuo’ nu’ suspìr
Fai nu’ tirò tu, io nun m’ fir’
Non c’ pozz’ mai pensà a stu fatt’ tu nun m’ crir’
Tu nun m’ crir’
Nove maggio
Nove maggio
Nove maggio m’è lassat’
So’ rimast’ sott’ ‘a botta, ‘mpressiunat’
Nove maggio m’è lassat’
So’ rimast’ sott’ ‘a botta, ‘mpressiunat’
Nove maggio m’è sfunnat
So’ rimast’ sott’ ‘a botta, ‘mpressiunat’
Nove maggio m’è sciarmàt’
So’ rimast’ sott’ ‘a bott
Nove maggio
Nove maggio

Testo di Nove Maggio tradotto in italiano

Per quanto il testo di Nove Maggio, celebre canzone di Liberato, sia abbastanza comprensibile nonostante l’utilizzo esclusivo del napoletano, potrebbe essere necessaria una traduzione del testo di Nove Maggio in italiano. Si tratta sicuramente di una perla che merita di essere conosciuta da tutti, indipendentemente dal luogo in cui vivono, per quanto parte di quel fascino di Nove Maggio deriva proprio dall’utilizzo del napoletano. Di seguito è indicato il testo di Nove Maggio tradotto in italiano:

Nove maggio, mi hai dimenticato
ti hanno visto che tornavi insieme ad un altro
non mi senti, non mi pensi
ho il cuore che non porta pazienza

apri gli occhi e vedi
che per entrare nell’anima ci vuole un sospiro
fai un tiro tu io non mi fido
non posso pensare a questo fatto tu non mi credi
apri le mani e vedi
che per cacciare una lacrima ci vuole un respiro
fai un tiro tu io non mi fido
non posso pensare mai a sto fatto tu non mi credi

Nove maggio, mi hai dimenticato
ti hanno visto che tornavi insieme ad un altro
non mi senti, non mi pensi
ho il cuore che non porta pazienza
Nove maggio, mi hai dimenticato
ti hanno visto che tornavi insieme ad un altro
non mi senti, non mi pensi
ho il cuore che non porta pazienza

nove maggio
nove maggio

Nove maggio, mi hai dimenticato
ti ho visto che tornavi insieme ad un altro
non mi senti, non mi pensi
ho il cuore che non porta pazienza
apri gli occhi e vedi
che per entrare nell’anima ci vuole un sospiro
fai un tiro tu io non mi fido
non posso pensare a questo fatto tu non mi credi
tu non mi credi

nove maggio
nove maggio

nove maggio mi hai lasciato
sono rimasto impressionato di fronte al fatto
nove maggio mi hai lasciato
sono rimasto impressionato di fronte al fatto
nove maggio mi hai ucciso
sono rimasto impressionato di fronte al fatto
nove maggio mi hai disarmato
sono rimasto impressionato di fronte al fatto
nove maggio

Significato di Nove Maggio, celebre canzone di Liberato

Nove Maggio di Liberato è sicuramente una canzone d’amore. Tuttavia, non bisogna compiere l’errore di considerare questo brano una semplice canzone a sé, semplice bel suo significato e nel suo stile; in realtà, Liberato ha sempre avuto la grande capacità di concepire le sue canzoni come frutto di un collegamento l’una all’altra, attraverso messaggi segreti, significati nascosti e figure evocative che si ripetono all’interno della sua discografia, rendendo la sua personalità quasi mistica.

Di sicuro attraverso il mese di maggio fuoriescono i temi del calore del popolo in cui ha sempre vissuto, della multiculturalità e multietnia, oltre che della libertà in senso ampio. La rosa, presente in quasi tutti i suoi racconti in musica, è il simbolo dell’amore per eccellenza, ma è anche un fiore che simboleggia il mistero. Infine il numero 9 e la data scelta rimanda ad un ideale di perfezione, di chiusura del cerchio, oltre che di materia che si ricompone dopo essere stata scomposta.