Pallavolo: cosa è successo a Paola Egonu durante Italia-Stati Uniti

0
Mondiali di Pallavolo 2022. Paola Egonu risponde ai commenti razzisti:

Mondiali di Pallavolo 2022. Dopo la vittoria dell’Italia Paola Egonu risponde ai commenti razzisti: “Mi hanno chiesto perché sono italiana, questa è l’ultima partita con la Nazionale”.

Le critiche e i commenti razzisti a Paola Egonu ai Mondiali 2022

l’Italia conquista il bronzo ai mondiali ma la cultura sportiva del Paese non va oltre l’ultimo posto. Dopo la super vittoria di 3-0 delle azzurre contro gli Stati Uniti e la conquista della medaglia di bronzo ai Mondiali di Pallavolo 2022, l’opposto titolare Paola Egonu si sfoga esausta delle continue critiche a sfondo razzista.

Paola Egonu ha conquistato per la Nazionale Italiana ben 25 punti nella partita contro gli Stati Uniti, contribuendo sensibilmente alla vittoria delle azzurre. Tuttavia, per molti italiani questo sembra non essere abbastanza a qualificare la Egonu come una delle migliori pallavoliste del panorama attuale, nonché orgoglio della Nazionale italiana.

Paola Egonu, una delle migliori professioniste attualmente in gioco, viene continuamente criticata, mettendo in questione la sua italianità e addossandole infondatamente la colpa degli errori commessi dalla squadra, soprattutto in relazione alla sconfitta contro il Brasile.

Nonostante l’importante contributo della Egonu nell’assicurare all’Italia un nuovo podio dopo l’argento dei Mondiali 2018, i commenti e le critiche fin troppo spesso motivati da pregiudizi razzisti non cessano di giungerle, e la talentosa Egonu che tutto il mondo della Pallavolo invidia all’Italia è stanca.

Lo sfogo di Paola Egonu dopo la partita Italia-Stati Uniti e la conquista del bronzo ai Mondiali 2022

Non puoi capire, mi chiedono anche perché sono italiana. Questa è l’ultima con la Nazionale, sono stanca, sono le parole di Paola Egonu immortalata a bordo campo dopo la vittoria che è valsa all’Italia il podio ai Mondiali di Pallavolo 2022.

La pallavolista era stata precedentemente accusata, infondatamente, di essere stata la causa della sconfitta della Nazionale Italiana contro il Brasile, che è passato in finale lasciando l’Italia a giocare per il terzo posto.

Paola Egonu ha poi parlato ai microfoni di Sky, mantenendo salda la sua posizione e ribadendo quanto l’Italia abbia un palese problema di razzismo.

“Sono fiera della squadra, del gruppo e di me stessa. Perché oggi è stato veramente difficile scendere in campo. Sempre un onore portare addosso la maglia Azzurra, vorrei però tanto avere un’estate libera per riposare come persona, per la mia testa. Non voglio togliere meriti alle mie compagne, ma ogni volta a essere presa di mira sono sempre io e si va a vedere come io ho sbagliato e come avrei potuto fare meglio.

Non so quando sia iniziato tutto questo, ovviamente è una cosa bellissima perché me ne assumo il peso e da quando sono arrivata in Nazionale, un bel risultato l’abbiamo sempre fatto. Quando però avviene il lato negativo e si perde, le critiche ricadono anzitutto su di me. Fa male essere attaccata, anche perché ci metto sempre il cuore e non ho mai mancato di rispetto. Mi fa ridere pensare di aver letto persone che mi hanno chiesto perché sono italiana e mi chiedo come mai devo rappresentare gente del genere. Mi viene da chiedere, specie ai giornalisti, cosa pensano quando scrivono certe cose e al signor Pasini (giornalista di La Gazzetta dello Sport) cosa pensasse quando ha scritto che io non meritavo questa Nazionale”.

Dinanzi alla frustrazione di una giocatrice che l’intero mondo della Pallavolo invidia all’Italia, viene da chiedersi se non sia questo paese a non meritare Paola Egonu.