Il Premio Nobel per la Letteratura 2022 va ad Annie Ernaux

0
Il Nobel per la Letteratura nel 2022 va ad Annie Ernaux: la scrittrice che trasfigura le vite dei singoli in storie collettive che raccontano un'epoca.

L’Accademia di Svezia ha assegnato il Premio Nobel per la Letteratura alla scrittrice normanna Annie Ernaux, 82 anni, “per il coraggio e l’acutezza clinica con cui ha svelato le radici, gli allontanamenti e i vincoli collettivi della memoria personale”.

Chi è Annie Ernaux, vincitrice del premio Nobel per la Letteratura 2022

Annie Ernaux nasce nel 1940 in Normandia in una famiglia di operai, racconta di essere stata l’unica, assieme ad un cugino da parte di padre, a frequentare l’università; dopo la laurea inizia ad insegnare lettere al liceo, professione che svolge fino al 2000.

Nonostante abbia esordito come scrittrice nel 1974 con il romanzo Gli armadi vuoti, pubblicando anche con una certa regolarità in tutti gli anni a venire, il riconoscimento internazionale arriva circa un ventennio più tardi: tra la fine degli anni Novanta e l’inizio del nuovo millennio.

I romanzi di Annie Ernaux, nel 2022 vincitrice del premio Nobel per la Letteratura, sono editi in Italia dalla casa editrice L’orma, tradotti da Lorenzo Fabbri.

L’opera di Annie Ernaux e il riconoscimento dell’Accademia di Svezia con l’assegnazione del Nobel per la Letteratura

La diciassettesima donna vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura, in oltre 120 anni dalla nascita del riconoscimento, è stato assegnato ad Annie Ernaux, la cui opera è prettamente biografica e autobiografica.

La particolarità dell’opera di Annie Ernaux sta nel tentativo, ben riuscito, della scrittrice francese di elevare una storia personale a condizione universalmente condivisa. In questo modo i personaggi dei romanzi della vincitrice del Nobel per la Letteratura 2022 sono al contempo persone singole e rappresentanti della generale condizione umana.

Per scrivere le sue storie, Annie Ernaux ha rivelato di ispirarsi alla sua personale storia di vita, “sono l’etnologa di me stessa” sostiene l’autrice. Eppure le sue opere possono definirsi propriamente ritratti di un’epoca, ed è in questa capacità di trasfigurare il singolare in universale che risiede il grande talento di Annie Ernaux, che le è stato riconosciuto anche dall’Accademia di Svezia nel 2022 attraverso l’assegnazione del Nobel per la Letteratura.

Femminismo e lotta di classe: le tematiche care al Nobel per la Letteratura Annie Ernaux

Annie Ernaux ha partecipato attivamente alle lotte del movimento femminista degli esordi ed, essendo figlia di operai, anche le lotte di classe non le sono state estranee. I cambiamenti socioculturali che ha vissuto in prima persona si sono riflessi nelle sue opere, nelle quali le storie di singoli diventano specchio della società del tempo.

Su queste basi, nel suo romanzo L’evento, il Premio Nobel per la Letteratura Annie Ernaux racconta l’esperienza dell’aborto clandestino nella Francia degli anni ’60, periodo in cui l’aborto non era ancora stato legalizzato e chi lo praticava rischiava la galera. Dall’opera è stato poi tratto il film La scelta di Anne, della regista Audrey Diwan, che nel 2021 ha vinto il Leone d’Oro al Festival del Cinema di Venezia.

In una recente intervista, Annie Ernaux racconta delle sue umili origini con orgoglio, ricordando i genitori e in particolare la madre, avida lettrice nonostante le molte ore trascorse in fabbrica, che ha incoraggiato la figlia a non smettere mai di studiare. La cultura come strumento di emancipazione per le classi sociali meno abbienti e i diritti dei lavoratori sono temi molto cari alla vincitrice del Nobel per la Letteratura 2022, così come la condizione delle donne e la parità di genere.