Psicologia del tradimento: che Cosa ci Spinge a Tradire?

0
tradimento

Avete appena scoperto che il vostro partner vi ha traditi e non sapete cosa fare? Oppure siete stati infedeli e volete capire meglio cosa porta l’essere umano a tradire qualcuno che ha, volontariamente, scelto come compagno/a? Senza dubbio si tratta di una situazione dolorosa che ognuno affronta a modo proprio, e non è detto che chi tradisce stia bene con sé stesso e non si senta assolutamente immeritevole di amore o un distruttore di coppia.

In questo articolo affrontiamo l’argomento per scoprire insieme quali sono le cause del tradimento, anche le più nascoste e insidiose, e come è possibile superarlo per stare meglio in coppia o da soli.

Fattori che ci portano a tradire

Nonostante nel momento in cui si scopre che si è stati traditi si venga principalmente accecati dalla rabbia o dalle lacrime, è necessario e utile sapere che sono molte le cause per cui si tradisce. Ecco, adesso è il momento di scoprire le cause principali che portano il partner a tradirci (o noi stessi a tradire il nostro partner).

Prima di tutto, è frequente tradire quando si cercano emozioni forti. È stato dimostrato da studi e ricerche scientifiche che in una coppia di lunga data, in particolare dopo circa tre anni di relazione, sia un matrimonio o solo un fidanzamento, cala la dopamina, ossia l’ormone del desiderio, che viene sostituita dall’ossitocina, cioè l’ormone della tenerezza e della felicità. Come avrete capito, e magari sperimentato sulla vostra pelle, i sentimenti diventano meno travolgenti e la passione viene a mancare. Uno dei due, tuttavia, potrebbe non accontentarsi dell’affetto e andare in cerca di passione ed emozioni forti.

Un’altra causa molto frequente del tradimento è di certo il sesso. Spesso, infatti, le persone cercano di giustificare una scappatella con il “bisogno” di fare sesso, da cui deriva il tradimento. In effetti, il sesso ha un’azione antidepressiva specialmente nelle donne, ma non giustifica l’affermazione di molti uomini di avere questo bisogno.

A livello emozionale, una causa di tradimento è la paura dell’intimità. Talvolta, capita che le persone pensino che entrare in intimità emotiva con una persona sia una condizione di debolezza e renda dipendenti, specialmente perché si è più vulnerabili. È un atteggiamento tipico di chi si porta dietro grandi traumi dal passato che non ha mai risolto e magari non riconosce nemmeno, facendo così del male alle persone con cui si impegna.

Come superare il tradimento

Solamente chi viene tradito dal partner può sapere cosa prova, perché non tutti provano le stesse emozioni: c’è chi reagisce con rabbia e chi invece con tristezza, chi è deluso e chi invece si sente addirittura in colpa. Ebbene, a prescindere dalle circostanze del tradimento, bisogna decidere – e capire – se si riesce o meno a perdonare il fatto.

In seguito ad un tradimento, infatti, si hanno sempre delle conseguenze che non necessariamente comportano il perdono. E, ad ogni modo, perdonare non significa nemmeno che la coppia rimarrà sicuramente unita e non si sfalderà, ma solo che si smetterà di provare rabbia e risentimento verso la persona amata che, purtroppo, non meritava la nostra fiducia.

Per capire come comportarsi e soprattutto come superare la tristezza dovuta al tradimento subito, la soluzione migliore è la terapia presso uno specialista esperto del settore come www.giovannamarianastasi.com che saprà guidarci, in coppia o singolarmente, attraverso tutte le fasi che ci porteranno a passare oltre e ricominciare a vivere. La terapia, comunque, non è finalizzata a tenere insieme la coppia a tutti i costi, ma al benessere di entrambe le persone che ne fanno parte, dovesse anche significare separarsi.